Diventare chef: quando la paura si trasforma in determinazione

Gabriele Zucchelli, giovane chef dell’Osteria al Cantinì

La mia avventura al Cantinì inizia a metà 2015 quando, dopo essere tornato da brevi avventure sul Lago di Garda e in Svizzera, mi metto in contatto con Marco, lo chef dell’Osteria Al Cantinì che sta cercando una figura di aiuto cuoco nella sua cucina.

In quell’istante comincia la mia storia con questa famiglia.

“Famiglia”, sì perché in questo locale si respira proprio quell’aria di casa, un ambiente sicuro, di aiuto, crescita, rispetto e collaborazione reciproca, dove tutti si sentono liberi di esternare il proprio pensiero e la propria personalità.

Dopo due anni e mezzo, dove sono cresciuto molto grazie soprattutto al suo lavoro, Marco decide di intraprendere un’altra strada e mi viene chiesto di diventare lo chef dell’Osteria.

Quelli sono stati giorni di riflessione per me, in quanto da un lato ero molto lusingato e contento per la fiducia riposta in me, ma dall’altro ero preoccupato e temevo di non riuscire a soddisfare le aspettative.

Decido di accettare la proposta, e ben presto ho trasformato la paura in determinazione e con l’aiuto di tutto il team ho cercato, con il tempo, di rendere sempre più “mio” il Cantinì, senza copiare la precedente versione, ma mantenendo fissa la linea che contraddistingue il locale da ormai dieci anni.

Oggi, dopo due anni, mi ritengo soddisfatto della strada fatta e sono sempre più convinto di poter continuare a migliorare tutti insieme.

Perché amo stare qui

L’Osteria al Cantinì è un locale come piace a me, “easy”, dove i clienti vengono non solo perché mangiano bene (anche se a quello ci tengo molto) ma soprattutto perché l’atmosfera è di casa, un luogo elegante ma allo stesso tempo informale, dove il cliente si può sentire davvero un nostro amico.

Del 2020 per molti versi ne avremmo fatto volentieri a meno, ha stravolto il nostro modo di vivere e portato via persone care.

Io personalmente ne ho approfittato soprattutto per godermi la famiglia, cosa veramente difficile per chi fa il nostro lavoro, e per accrescere le competenze legate alla sostenibilità ambientale e responsabilità sociale che ogni persona, ma in particolar modo un cuoco, deve avere.

Speriamo che questo periodo difficile finisca per tornare a fare ciò che ci piace di più… cucinare per voi Al Cantinì.

Preparazione di uno dei piatti

A presto!

#staysafe

Gabriele – Lo Chef

chef, cheflife, lavoro, passione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi seguire facilmente le nostre storie?
Iscriviti alla nostra Newsletter!

Iscriviti alla nostra Newsletter
per restare sempre aggiornato

Ci stai cercando?
Eccoti qualche aiuto!

Locale

a Borno / BS
Via Vittorio Emanuele, 15

Telefono

Orari

Da voi: ven-sab-dom 18-21
Seguici
Il tuo carrello